Press "Enter" to skip to content

Trovano il cimitero dei primi coloni attorno al forte romano. Tra le fosse una sepoltura anomala in un paiolo. Perché?


© Prof. Dott. Markus Scholz, Università Goethe di Francoforte

Sulle tracce dei primi coloni romani
In uno scavo didattico durato sei settimane, gli studenti dell’Università Goethe di Francoforte, in collaborazione con l’Hessen ARCHAEOLOGY presso l’Ufficio statale per la conservazione dei monumenti dell’Assia, filiale di Darmstadt, hanno scoperto nuove vestigia del passato della comunità di Nauheim. I risultati degli scavi sono stati ora presentati per la prima volta.

L’esistenza di un accampamento militare romano nelle vicinanze era già nota, ma ora gli studenti hanno potuto saperne di più su chi si stabilì esattamente ai confini del Ried dell’Assia circa 2000 anni fa. Qui, nelle immediate vicinanze dell’antico braccio del Vecchio Neckar, a ovest dell’odierna Nauheim, intorno alla metà del I secolo d.C. trovarono la loro ultima dimora i morti dei coloni appena arrivati.
Nauheim oggi è un comune tedesco di 10.840 abitanti, situato nel land dell’Assia. Un tempo era un luogo sperduto. Nel corso dei millenni, questa pace è stata sempre più messa in pericolo a causa della progressiva distruzione causata dallo sfruttamento agricolo e dal conseguente deterioramento delle condizioni del suolo. Per non perdere la conoscenza del passato romano, gli studenti del corso di Archeologia e Storia delle Province Romane sotto la direzione del Professor Markus Scholz e il dottor Di. Thomas Becker d’AssiaARCHAEOLOGIA. Oltre ai ritrovamenti interessanti, gli studenti sono rimasti particolarmente colpiti dalle nuove interessanti scoperte sull’immigrazione precoce nel distretto di Groß-Gerau.

© Ralf Klausmann, LfDH

Al di là del Reno
Nel I secolo d.C. i romani arrivarono da Magonza oltre il Reno e stabilirono la zona della Renania con accampamenti militari. A quel tempo la regione sembrava ancora scarsamente popolata. Non c’è quasi nessuna prova archeologica di una popolazione celtica indigena. Doveva essere, davvero, una landa bella ma desolata.

Allo stesso tempo, i romani probabilmente controllavano l’afflusso di popoli germanici dalla Germania settentrionale, identificabili archeologicamente nella regione grazie alle loro ceramiche tipiche e ad altri oggetti di uso quotidiano. I romani svilupparono anche le infrastrutture regionali; costruirono strade e resero navigabili i corsi d’acqua per trasportare le loro merci attraverso le aree di nuovo sviluppo. Dalla metà del secolo in poi si moltiplicarono gli insediamenti rurali, che comprendevano anche il sepolcreto esaminato. I romani vedevano come fondale presidio del territorio la presenza di centri abitati. Pertanto favorivano il trasferimento di sudditi dall’Italia o da altre parti dell’Impero.

© Ralf Klausmann, LfDH

Un sepolcreto dalle mille sfaccettature
Su una superficie di 2.000 m² nei pressi di Nauheim sono state esaminate complessivamente 46 tombe, tutte a incinerazione, tranne due eccezioni con sepoltura a inumazione. Il sepolcreto era circondato e difeso da sei sistemi di fossati rettangolari da considerare il recinto di particolari sepolture e, secondo le conoscenze attuali, appartenenti tutti alla fase di fondazione dell’antico cimitero. Inoltre furono rinvenute le fondamenta di una tomba che un tempo era alta molti metri, ma nell’Assia meridionale, povera di pietre, fu completamente smantellata nel Medioevo e spogliata delle sue pietre fino alla base delle fondamenta. Il sepolcreto può essere fatto risalire all’inizio del III secolo. Gli abitanti di una tenuta vicina utilizzano l’area come luogo di sepoltura da oltre 150 anni. In alcuni casi i sepolcri presentano un’urna completa in vetro, che testimoniano un certo livello di prosperità dei sepolti.

© Lars Görze MA, LfDH

“Da un lato qui disponiamo di un corredo funerario di alta qualità e dall’altro disponiamo anche di tombe che non ci sorprenderebbero in nessun cimitero della regione più ampia. La stratificazione sociale di questo gruppo sarà sicuramente qualcosa che potremo considerare in un’ulteriore valutazione”. dicono gli archeologi.

© Ralf Klausmann, LfDH

Spicca in particolare una curiosa forma di sepoltura: uno dei primi Nauheimer “in un secchio”. Seppellire una persona in un secchio di bronzo e fornire strumenti come forbici o coltelli è atipico per le sepolture romane. Questa è anche la prima volta che nell’Assia meridionale vengono rinvenute prove dei recinti funerari menzionati, mentre l’usanza era diffusa sulla sinistra del Reno, nella Gallia orientale, nella tarda età del Ferro (I secolo a.C.) e nel I secolo a.C. ANNO DOMINI. Per gli scienziati, sepolture così insolite e diverse sono chiari segni che gli immigrati – di diverse etnie – portavano con sé non solo la loro cultura ma anche i loro riti di sepoltura.