Press "Enter" to skip to content

Stile Arte

Uno scheletro con un grosso anello alla caviglia trovato dagli archeologi. Schiavo o condannato. L’origine, il luogo. Le “morerìe”

Le mourarias o morerías erano quartieri creati durante il Medioevo per accogliere la popolazione musulmana delle città recentemente conquistate dai regni cristiani della Penisola Iberica. Nonostante le espulsioni forzate tra il XV e il XVII secolo e il processo di assimilazione dei musulmani, il nome è rimasto in uso in varie città di Spagna e Portogallo

Archeologia a colpo d’occhio. Cos’è questa struttura. A cosa serviva. E guardate (all’interno) come viene usata oggi

La stele, quasi completamente intatta eccetto per i piedi mancanti, rappresenta un guerriero maschio armato. È scolpita in un tipo di arenaria reperibile entro pochi chilometri da Glauberg. Molti dettagli sono chiaramente visibili: i suoi pantaloni, una corazza composita, uno scudo di legno e una tipica spada in stile La Tène posta sul lato destro. L'uomo, barbuto e baffuto, indossa un gioiello con tre pendenti simile a quello trovato nella camera del tumulo 1, vari anelli su entrambe le braccia e uno sulla mano destra. Sulla testa, porta un copricapo simile a una cappa, ornato con due protrusioni a forma di foglia di vischio, una pianta ritenuta avere significato magico o religioso per i Celti, suggerendo che il guerriero potesse essere anche un sacerdote. Altri frammenti di tre statue simili sono stati scoperti nella zona, suggerendo che le quattro statue potessero trovarsi nel recinto rettangolare, forse collegate a un culto degli antenati

Scavi per un condominio. Fermate la pala. C’è qualcosa. Trovati i resti di un “capofamiglia” di 6800 anni fa, con ricco corredo

Per il ricco corredo del corredo si suppone che si tratti della tomba di un anziano del villaggio, forse paragonabile ad un sindaco dell'epoca. - dice una nota distrettuale - Le aggiunte includono contenitori per liquidi e alimenti come cibo per l'aldilà, nonché coloranti per le decorazioni del corpo. Particolarmente insolita è la combinazione di due diverse asce di pietra, che di solito non venivano deposte insieme, nelle sepolture

Datazioni di reperti archeologici. Rivoluzionario sistema dei raggi cosmici. Massima precisione. Come funziona. L’applicazione

La datazione dei reperti gioca un ruolo chiave in archeologia. È sempre fondamentale sapere quanti anni ha una tomba, un insediamento o un singolo oggetto. Determinare l'età dei reperti della preistoria è possibile solo da pochi decenni. A questo scopo vengono utilizzati due metodi: la dendrocronologia, che consente la datazione sulla base di sequenze di anelli annuali negli alberi, e la datazione al radiocarbonio, che può calcolare l'età approssimativa dei reperti in base al tasso di decadimento dell'isotopo radioattivo del carbonio 14 C contenuto nell'albero. anelli degli alberi.

Professore scava. Trova una statua romana nella città che era il centro dell'”arte della lana”. L’identità della splendida Dea

I resti di un enorme anfiteatro, di due teatri, di quattro terme, di cinque agorà, di cinque fontane con ninfei, di lunghe strade colonnate, di templi imponenti e una miriade di chiese e basiliche, sorte con la nascita del cristianesimo. La Chiesa laodicea è citata anche da Giovanni nell'Apocalisse ed è stata oggetto delle visita di San Paolo.

Sepolta a volto in giù, 2000 anni fa, tra una mezzaluna di ossi d’animali. Gli archeologi indagano. I primi risultati. Da dove veniva

Aveva circa trent'anni quando morì e aveva vissuto una vita fisicamente impegnativa e laboriosa. Aveva subito un danno a una costola, probabilmente inflitto con violenza, settimane prima di essere uccisa da una coltellata al collo. La combinazione di fattori nel loro studio suggerisce che questa è una rara prova che i sacrifici umani abbiano avuto luogo nell’età del ferro

A ferro e a fuoco. Studi su una fattoria devastata dalle fiamme. Animali bruciati. Un orecchino d’oro. E l’ombra di Annibale

Ciò che si pensa è che i residenti abbiano radunato gli animali nell'edificio, presagendo il passaggio dei nemici, un transito sarebbe stato rapido e violento. Ma forse i nemici stessi hanno dato fuoco alla struttura, durante un'azione di guerra. In diverso caso gli animali sarebbero stati utilizzati come cibo.