Press "Enter" to skip to content

Trova un mucchio di antiche monete d’oro. La storia del tesoro scoperto in un campo


In copertina: il tesoro di Norfolk e Tom Lucking, virtuoso protagonista del ritrovamento

Un mucchio di monete merovinge e bizantine, battute nell’oro, – provenienti dalla Francia e dall’Impero romano d’Oriente e finite in un campo inglese – è stato dichiarato Tesoro dello Stato. I materiali – risalenti a un periodo compreso tra il VI e il VII secolo d. C. – sono stati recuperati da uno studente di archeologia che, con metal detector, aveva percorso un campo, nei pressi di un vecchio cimitero, nella contea di Norfolk, in Gran Bretagna. I materiali erano distribuiti su un’area ampia perchè probabilmente l’aratro dei contadini, passando e ripassando, in quel punto, aveva più volte trascinato i pezzi nelle zolle.



Il giovane appassionato – Tom Lucking – aveva avvisato poi il servizio archeologico. Le monete recuperate sono 131. Nei guai invece un ufficiale di polizia che, avendo saputo del ritrovamento, si era recato nel campo stesso, recuperando altre monete che aveva venduto, invece di segnalarle allo Stato.
Tutti questi materiali sono stati dichiarati, nelle scorse ore, da parte del Norfolk Coroner’s Court di Norwich, Tesoro. Un passaggio tecnico che consentirà alla Corona di reclamare i reperti nel caso in cui un museo accreditato desiderasse acquisirli per scopi di pubblica utilità e fosse in grado di pagare una ricompensa equivalente all’intero valore di mercato. In questo caso, il Norwich Castle Museum spera di acquisire il tesoro con il supporto del British Museum, dove vengono sempre preparati i casi del Treasure Act. Gli inglesi hanno un orientamento molto diverso dal nostro.
Guai seri per l’ufficiale di polizia che non ha avuto pazienza di attendere le procedure e che ha pensato di fare – illegalmente – da solo, recuperando una decina di monete e vendendole. Processato per direttissima, l’uomo è stato condannato a 16 mesi di reclusione.

Uno degli orecchini trovati dallo studente inglese

A giudizio degli studiosi il tesoro di Norfolk era stato accumulato da qualche eminente personaggio della zona, che aveva rapporti commerciali con la Francia e con Costantinopoli. Anche se le monete venivano da lontano mantenevano il proprio valore come materiale prezioso. Pure in questo caso si può pensare che il proprietario del tesoro fosse morto prima di poter comunicare il punto dell’occultamento ai familiari. Accanto alle monete sono stati trovati anche pendenti per orecchio e lacerti di gioielli.