Press "Enter" to skip to content

Guardate, sotto la casa romana c’è una scala. Scoperta una cantina di 2000 anni foderata di legno. Gli “strani oggetti”. Il salvataggio



Negli ultimi mesi una cantina in legno eccezionalmente ben conservata della Nida romana è stata completamente recuperata e conservata dai restauratori del Museo Archeologico di Francoforte. È stato scoperta e portata alla luce con cura durante uno scavo condotto dall’Ufficio dei monumenti della città di Francoforte sul Meno a Heddernheim.

La cantina in legno faceva parte di un edificio residenziale romano, costruito probabilmente alla fine del I secolo d.C. a sud delle due strade principali (platea praetoria) dell’antica città di Nida. Dell’edificio associato, una casa a graticcio, non è sopravvissuto alcun resto. La valutazione dei reperti e del materiale ritrovato da essi derivante è di grande interesse scientifico; La buona conservazione offre anche un’opportunità quasi unica di farsi un’idea della vita a Nida e di raccontare la storia della città e dei suoi abitanti come parte della presentazione pubblica prevista come punto culminante.

“Una scoperta così straordinaria richiede una considerazione speciale. A causa delle condizioni meteorologiche qui c’era un pericolo imminente e abbiamo deciso di salvare in breve tempo la cantina e con essa un importante manufatto dell’antica Francoforte. Siamo molto lieti che ciò sia stato ottenuto con un grande sforzo tecnico e utilizzando metodi recentemente testati. Nelle prossime settimane la cantina verrà esplorata ulteriormente e verrà definita una presentazione adeguata”, sottolinea il capo del dipartimento culturale di Francoforte, Dr. Ina Hartwig.

Dichiarazione Dott. Wolfgang David: “Dal punto di vista del Museo Archeologico è positivo che, grazie alla rapida decisione del Dipartimento di Cultura e Scienza, i fondi necessari in breve tempo per il complesso recupero dei resti altamente sensibili dei resti danneggiati dall’incendio sono state messe a disposizione le cantine. Perché ogni giorno in più all’aria aperta avrebbe significato una perdita di sostanza. La rapida azione ha creato una base quasi ottimale per la successiva presentazione pubblica di questo straordinario ritrovamento archeologico, che attualmente è conservato in un laboratorio speciale”.

L’ingresso alla cantina era a sud della via principale; sono ancora ben visibili i gradini bruciati delle scale del seminterrato. In tutto il seminterrato resti di travi carbonizzate, carbone e detriti di fuoco testimoniano l’incendio che distrusse completamente la casa in tempi antichi. Gli effetti dell’incendio sono dimostrati da alcuni dei materiali ritrovati, come un recipiente di vetro che si sciolse a causa del calore estremo e strumenti di ferro che giacevano ancora sulle scale del seminterrato. Ciò dimostra che i residenti apparentemente non hanno avuto il tempo di salvare tutto ciò che c’era nal seminterrato. Dopo l’incendio l’immobile venne ricostruito qualche tempo dopo; La cantina però non fu più utilizzata.

Per poter datare con precisione il periodo di costruzione e di distruzione è necessario innanzitutto valutare i reperti provenienti dallo scavo. Lavorare con il materiale si preannuncia entusiasmante, poiché oltre ai resti di vasi in ceramica e vetro si trovano anche alcuni insoliti oggetti metallici. Questi sono già stati consegnati al Museo Archeologico di Francoforte per la cura della conservazione.

La cantina non è affatto la prima cantina in legno con detriti di incendio conosciuta dalla Nida romana. Reperti comparabili sono stati scoperti più volte durante gli scavi nell’antica città negli ultimi 100 anni; Tuttavia, di solito erano meno ben conservati e non venivano esaminati con la stessa attenzione utilizzando i moderni metodi di scavo. La cantina scoperta nel 2023 è quindi speciale sotto molti aspetti.