Press "Enter" to skip to content

Le imprese erotiche di Van Gogh e Gauguin rivelate da una lettera acquisita dal museo di Amsterdam


 

Un dipinto erotico di Gauguin e un autoritratto di Van Gogh

Le imprese erotiche di Gauguin e Van Gogh e Gauguin nelle case chiuse della Provenza, sono narrate da Van Gogh stesso, in una lettera datata 1888 e vergata dal pittore olandese, ma firmata anche da Gauguin, indirizzata al collega Emile Bernard. Il foglio prezioso è passato all’asta nel giugno 2020 e acquistato dal museo Van Gogh di Amsterdam per una cifra che non è stata resa nota, anche se, secondo alcune indiscrezioni, l’importo ammonterebbe a circa 200mila euro.
Perchè Van Gogh mandò questo scritto a Emile Bernard? Van Gogh, a quei tempi ospite della Casa gialla di Arles, con il collega Gauguin, aveva intenzione di fondare una comunità di artisti moderni che vivesse nel confronto, per fare ricerca e per coltivare i comuni interessi. Ma, escluso Gauguin che si sarebbe defilato di lì a poco, gli altri artisti non dovevano trovare particolarmente allettante quel trasferimento, in un cenacolo gestito da Van Gogh. Il ritiro, lontano da Parigi e in un luogo dai colori accesi e ardenti, come la Provenza, avrebbe dovuto far produrre un’arte che. anche se con scarse proiezioni sul mercato, sarebbe stata caratterizzata da una sorta di chiaroveggenza, in grado di saltare temporalmente i gusti arretrati della generazione contemporanea, per proiettarsi nella posterità.
L’ambizione, in Van Gogh era molto alta. “Io, che credo nella possibilità di una grande rinascita dell’arte; che credo che questa nuova arte avrà la sua casa ai tropici, penso che serviamo solo come intermediari. E solo una generazione successiva riuscirà a vivere in pace “, scrive a Bernard. Evidentemente la sottolineatura della libertà sessuale concessa ai nuovi aderenti al cenacolo – a fronte del fatto che il gruppo diventasse una sorta di sodalizio di incompresi, pur destinato alla gloria della posterità – , pare avesse la funzione, nell’economia della lettera di Van Gogh di sottolineare la natura non monastica del gruppo e che intendesse accendere l’immaginazione del giovane Emile Benard.

Una sorta di pubblicità della vita libera di Arles, tesa a far proseliti. “Siamo stati nei bordelli diverse volte e potremmo finire a lavorare lì, spesso” scrive. Van Gogh definisce anche, con acutezza tagliente, l’assoluta dipendenza di Gauguin dal richiamo dei sensi e il suo rapinoso individualismo, che si sarebbe rivelato di lì a poco con lo strappo da Van Gogh.
“Gauguin mi interessa molto come essere umano. È come un essere verginale con istinti animali. In Gauguin, il sangue e il sesso superano l’ambizione ”, scrive Vincent.  “Non ascoltare Vincent. Sai già che è incline all’ammirazione ed è facile per lui usare questo tipo di espressioni. ” annota scherzosamente Gauguin alla fine della lettera