Press "Enter" to skip to content

Sotto il piano del bosco, un reticolo di ipogei. Scoperte tombe tronco-coniche con corredi di 3mila anni fa. Le foto



di Redazione
Stile arte è un giornale di arte, cultura e archeologia, fondato nel 1995 e diretto da Bernardelli Curuz

Ai margini del terzo tratto della foresta di Chapultepec, un team di specialisti dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) ha scoperto e censito una serie di tombe funerarie preispaniche, tra cui spiccano 10 tombe tronco-coniche vecchie di circa tre millenni e mezzo, la metà delle quali con sepolture umane.

La scoperta, annunciata in queste ore a Città del Messico, è il risultato del sostegno che la Direzione del Recupero Archeologico dell’INAH, in coordinamento con il Museo Nazionale di Storia Castillo de Chapultepec, fornisce ai lavori della linea 3 del Cablebús, in fase di realizzazione realizzato dal Governo di Città del Messico nell’ambito del piano globale di mobilità del progetto Chapultepec, Natura e Cultura, del Ministero della Cultura del Governo del Messico.

Secondo la coordinatrice degli scavi archeologici, María de Lourdes López Camacho, la scoperta si riferisce ad un grande villaggio che doveva essere esistito in questa zona del Lomas de Chapultepec, ai margini della foresta, verso il Preclassico Antico e Medio periodi (2500-400 a.C.).


“Questa comunità viveva qui prima dell’eruzione del vulcano Xitle e della formazione del Pedregal de Coyoacán. E questo sottosuolo si è conservato intatto per più di 3.000 anni. Questo è fantastico!” sottolinea.

La scoperta ribadisce l’antica occupazione della foresta di Chapultepec, dopo che più di un anno fa è stata registrata una concentrazione di materiali di quello stesso periodo nelle vicinanze del Centro di Cultura Ambientale, nella seconda sezione.

Nel giugno 2023, la squadra di soccorso archeologico, composta dagli esperti Eder Arias Quiroz, Víctor Vargas Juárez, Sandra Muñoz Vázquez, Adelina Montiel de Anda e Armando Altamirano Castillo, ha iniziato le esplorazioni nelle vicinanze dell’Avenida Constituciónntes. Data la possibile presenza di tombe, sono stati disposti sondaggi di scavo che hanno indotto gli archeologi a svolgere, nelle settimane e nei mesi successivi, scavi estesi in un’area di 200 metri quadrati.

Alla fine dell’intervento il sito sembrava una groviera di argilla. Tante le camere funerarie scavate nel tepetate – un terreno temprato e compresso, a volte considerato come un materiale paralidologico, cioè simile alle pietre -, i cui diametri variano tra uno e due metri, e 1,50 metri di altezza massima. In totale sono state censite una dozzina di tombe tronco-coniche, definite dalla loro forma di cono rovesciato tagliato a punta, motivo per cui sono conosciute anche come tombe a bottiglia o a campana.

“Si tratta di un’architettura funeraria molto particolare. Esempi di queste tombe si trovano in altre aree dell’antico Messico, come la costa del Golfo e l’ovest, sono stati localizzati anche negli attuali stati del Messico e Morelos, e ci sono documenti nel sud, nel nord e nell’est de la Cuenca, Messico. Dovevamo localizzarli sul lato ovest, ora li abbiamo”, spiega l’archeologo López Camacho.

Secondo una prima valutazione, per le caratteristiche dei materiali associati, le tombe tronco-coniche risalirebbero al periodo Preclassico Medio (1200-400 a.C.), ma vicino al periodo Preclassico Antico (2500-1200 a.C.). All’interno di cinque di essi si trovavano ossa di individui deposte, per la maggior parte, in forma flessa. A causa della variabilità del loro stato di conservazione, è stato possibile determinare solo, sulla base dei tratti morfologici, che quattro sono femmine e un maschio, quasi tutti adulti giovani.

Da segnalare che, ad un livello più elevato, le squadre di soccorso archeologico hanno individuato alcune ciste rettangolari da cui sono state recuperate tre sepolture, disposte secondo un asse est-ovest. Ciò fa supporre che il suddetto villaggio sia rimasto a lungo, oltre il periodo Preclassico.

Da entrambi i contesti funerari sono stati rinvenuti materiali diversi, alcuni disposti come offerte: quattro corna di cervo funzionanti da utensili, punzoni,una coppa concavo-convessa, un buon numero di figurine femminili, il frammento di un disco di ardesia (materiale importato, forse dalla costa del Golfo), vasi effigi e figurine con caratteristiche schematiche che gli archeologi chiamano “fantasmi”.

Gli oggetti furono trasferiti al Museo Nazionale di Storia, Castillo de Chapultepec, per la classificazione e lo studio. Alcuni pezzi di ceramica sono sottoposti a microscavi per recuperarne il contenuto, il che permette di ottenere resti che parlano dell’uso che quelle prime comunità ne davano.

Tutte queste prove spiegano la complessità delle pratiche sociali e delle attività produttive, come l’agricoltura, la ceramica e l’edilizia, nel periodo preclassico, quando si consolidarono molti dei tratti caratteristici delle società mesoamericane che sarebbero rimasti nei secoli successivi.