Press "Enter" to skip to content

Misteriosi ritrovamenti nell’antica villa romana. Dallo scheletro con i piedi inchiodati alle lucerne inquietanti. E mucchi di monete


di Redazione
Stile arte è un quotidiano di cultura, arte e archeologia fondato nel 1995 da Bernardelli Curuz

A sinistra. le pile di sospensione del pavimento della villa villa romana. In questa intercapedine correva l’aria calda. A destra una singolare lucerna dell’epoca @ Cotswold archaeology

Bristol, 5 dicembre 2024 – Una villa romana, con terme private, riscaldamento a pavimento e aree per agricoltura e artigianato attorno. E accanto a questi resti, quelli preziosi. Lo scavo di salvataggio ha rivelato un’affascinante visione dello sviluppo del sito durante l’intero periodo romano. Siamo nei pressi di Bristol. La cintura di Bristol ha offerto, agli archeologi, il rinvenimento di diverse ville romane. Ora gli scavi condotti in questo sito sono candidati al premio Current Archaeology 2024.

“Iniziato con una semplice fattoria recintata nel I secolo d.C., questo edificio fu sostituito da un edificio in pietra del tipo “”a schiera”” o “”a cottage”” nel III secolo d.C. – dice Cotswold archaeology – Fu trasformato nel IV secolo d.C. in una villa importante e ricca con l’aggiunta di nuove ali edilizie, riscaldamento a pavimento e un’area termale privata”.

Una veduta dal drone di parte dell’area della villa romana trovata nel circondario di Bristol @ Cotswold archaeology

Tra i reperti portati alla luce figurano una lampada in bronzo al piombo raffigurante una figura seduta datata al I secolo d.C., più di 300 monete battute tra il II secolo, la fine del III e il IV secolo d.C.  Sono stati rinvenuti anche una testa di leone con montatura in bronzo – I – II secolo d.C. – che doveva essere ornamento di un mobile, spille e un anello da dito, oltre a diversi utensili.

Una delle fibule di bronzo trovate durante l’indagine archeologica sistematica della villa e delle sue pertinenze @ Cotswold archaeology
Un elegante lucerna in bronzo. La figura umana da cui è sovrastata è mutila delle braccia e della testa. Un coperchietto doveva nascondere il foro più piccolo, collocato alla base della figura, dove avveniva il caricamento di olio. Il foro maggiore, in primo piano, era quello destinato alla fiamma. @ Cotswold archaeology

I materiali hanno fornito uno spaccato affascinante della gamma di attività produttive che qui si svolgevano come la lavorazione tessile e l’artigianato.

Lo scavo si è svolto a Lockleaze, nel Gloucestershire meridionale, nei dintorni di Bristol, prima dello sviluppo residenziale del sito da parte dell’impresa Redrow Homes. I resti dell’insediamento romano sono stati trovati sotto quello che, fino a poco tempo fa, era campo di allenamento di un club di rugby.

Lo strato di terriccio superficiale e archeologicamente inerte è stato rimosso. Le immagini dei droni hanno georeferenziato le immagini dei resti edilizio sottostanti. “Lo scavo è iniziato con fosse di prova di 2 m 2 per valutare l’archeologia e decidere se potevano scavarne di più con una macchina. – ha detto Mark Brett, responsabile progetti senior, Archeologia di Cotswold – Si poteva, ma non sui muri e questi venivano spatolati a mano. In una fossa sono state rinvenute 51 monete della fine del III secolo dC”.

“La prima caratteristica era un recinto della tarda età del ferro con una casa circolare all’interno. La casa circolare aveva buche di posta interne. Tarda età del ferro: ceramiche e ossa di animali del I secolo d.C. provenivano da questa zona, mentre la data più recente risale al II secolo . Quest’area era stata preceduta da campi, recinti e due vialetti. I fossati risalgono al I – II secolo d.C. L’occupazione del sito continuò fino al IV secolo d.C. Nella zona nord del sito si trovava una tomba con orientamento NW/SE. Era lungo 2,15 metri. Lo scheletro era supino e aveva dei chiodi ai piedi. Non è stato rinvenuto alcun cimitero associato al complesso ed è stata rinvenuta solo un’altra sepoltura (cremazione)”.

Gli interventi edilizi più consistenti avvennero successivamente. “La casa principale era di forma rettangolare e misurava 19 x 7 metri con tre divisioni interne. – spiega l’archeologo – Le ali nord e sud furono aggiunte in un secondo momento. L’ala nord con un’estensione, misurava 21m x 6m e comprendeva una cucina, un pavimento in lastre ricoperto di carbone e ossa di animali e conteneva ceramiche del IV secolo . Sono stati rinvenuti anche un focolare quadrato e un forno per il pane. Il prolungamento dell’ala nord era curvo all’interno, con intonaco rosa. C’erano degli scarichi in quest’ala. L’ala sud era un unico ambiente largo 16 metri (probabilmente una sala da pranzo invernale) riscaldato da un ipocausto. Sono stati rinvenuti anche i resti del praefurnium. il grande forno che veniva caricato a legna e che portava il proprio fumo caldo tra le intercapedini dei pavimenti e dei muri.  Questo aveva una base in lastra ricoperta di carbone. Si è potuto vedere perfettamente come veniva costruito e utilizzato l’ipocausto e come l’aria calda veniva incanalata nell’edificio”.

Stile arte, Registrazione al Tribunale di Brescia n 41/1995 del 27 10.1995