Press "Enter" to skip to content

Posts published in “archeologia”

Tecnologie militari aprono le porte alla Golden Era archeologica. Quali sono le novità in campo

Dal rilevamento satellitare ai robot. Invece di rimuovere accuratamente uno strato alla volta per documentare e analizzare i siti nel corso degli anni, l'uso di scanner consentirà virtualmente di scavare i siti in poche ore, a distanza, connessi, senza intaccare lo stato dei resti archeologici o dell’ecosistema che li costudisce

Pugnale romano, proiettili di piombo e resti di una battaglia del 15 a.C. trovati con il metal detector

Si ritiene che alla battaglia abbiano preso parte 1.500 soldati. Un numero per certi aspetti limitato di militari, ma probabilmente sufficiente ad aver ragione, con risalite strategiche, delle resistenze dei Reti. Del resto la configurazione del terreno - siamo in una gola, quindi in una strettoia - non avrebbe offerto un fronte molto più ampio e non avrebbe richiesto un impegno maggiore di soldati

Il terreno cede sotto l’azione dell’aratro. Si apre una voragine. Scoperte sette tombe etrusche

Lo scavo ha messo in luce sette contesti funerari, tutti già visitati in passato dai clandestini, databili tra l’epoca Villanoviana e l’età arcaica, tra cui alcune interessanti e suggestive tombe a camera, che stanno già fornendo un importante contributo di conoscenza. In tutti questi casi, dopo aver portato in luce i resti archeologici, le tombe vengono descritte, disegnate e fotografate, per poi ricoprirle sia a protezione delle strutture, che per ragioni di sicurezza pubblica.

Dalla villa pompeiana di Civita Giuliana emerge la stanza di una famigliola di schiavi stallieri

Bloccato dai tempi dell'eruzione del Vesuvio del Vesuvio - 79 d.C. - lo stanzino di servizio con brandine e oggetti da lavoro che permette di ricostruire la vita degli schiavi nella grande villa di campagna. Il ritrovamento nei pressi del punto in cui è stato portato alla luce il grande carro cerimoniale da parata