Press "Enter" to skip to content

Posts published in “News”

Le Stilettate di Zana. “Contro le diavolerie di guerra. Le armi mentali. Le abbiamo dimenticate?”

Di Tonino Zana: ""Per l'augurio di fortezza e di saggezza alziamo il canto soave del Moretto, l'arcignità del Romanino e il misterioso coraggio dorato del Savoldo. Chiamiamo in alleanza tutta la bellezza dell'arte russa, che scomunichi la bruttezza di Putin e lo mandi al diavolo".

Con un drone subacqueo alla ricerca di antiche navi affondate nelle acque della Sicilia e di tesori sommersi

Un progetto di indagine e documentazione dei fondali marini della Sicilia, con l'aiuto di innovativi sensori e robot, alla scoperta di nuovi siti archeologici subacquei. È stato finanziato dalla presidenza della Regione Siciliana (con oltre mezzo milione di euro), d’intesa con la Soprintendenza del mare, allo scopo di gettare le basi per l'istituzione di un Centro di eccellenza dell'archeologia subacquea

Stilettate. “L’arte, in guerra, non tace, denuncia l’invasore e dichiara la ragione e il torto”

di Tonino Zana. "La pittura, la scultura, l'architettura di questi paesi soggiacciono a una terra identica nella chiara evidenza per cui la dizione arte russa comprende la parte ucraina ed essa non disconosce la propria autonomia. Il confine si disvela irrilevante, se il confine viene rispettato. Ma il confine è stato calpestato e dunque l'arte della Russia, per colpa della politica della Russia ha ricevuto uno strappo, è diminuita, ha perso qualche valore".

Ex vivaio confiscato alla criminalità organizzata consegnato al Parco archeologico di Pompei

L’interesse del Parco alla consegna del fondo è legato innanzitutto a finalità di ricerca e tutela archeologica, in virtù dalla sua localizzazione nell’area urbana situata a nord della città antica, estremamente densa di evidenze archeologiche, quali la villa rustica in proprietà Palma e la villa rustica in proprietà Risi Di Prisco, nonché l’importante complesso archeologico di villa Imperiali, che si prevede di aprire alla fruizione pubblica nei prossimi anni, all’esito dell’attività di scavo, condotta in sinergia con la Procura di Torre Annunziata e tuttora in corso