Press "Enter" to skip to content

Un corridoio in discesa. Un’enorme pietra da spostare. Ed ecco il sarcofago. Riscoperta la tomba del geniale genero borghese del Faraone di 4500 anni fa


Il fronte est della tomba @ M. Bárta

Percorrono un lungo corridoio, in discesa. I passi sono rallentati dal pavimento sconnesso. Ecco un’enorme pietra che chiude l’ingresso della camera sepolcrale. Gli archeologi riescono a spostarlo ed entrano nella stanza del sepolcro. Il sarcofago è collocato in una nicchia. Il coperchio è leggermente spostato…

Non perderti altre scoperte 👇
Segui la pagina Twitter di Stile arte

La spedizione ceca che lavora nell’area archeologica tra i campi di Abusir e Sakkare ha così compiuto un’importante scoperta, che è stata presentata nei giorni scorsi dal Český egyptologický ústav FF UK, il centro studi di egittologia del Paese europeo.

La camera sepolcrale con il sarcofago @ P. Košárek

Durante le stagioni di ricerca 2022 e 2023, gli archeologi hanno localizzato ed esplorato una grande tomba perduta che apparteneva a un alto funzionario, Ptahsepses che visse in un periodo a cavallo tra il 2500 e il 2430 a.C. Questa mastaba – una tomba monumentale realizzata durante le prime fasi della civiltà egizia – era stata parzialmente scoperta, nella parte più esterna, dall’archeologo francese Auguste Mariette quasi 160 anni fa e poi era stata cancellata dall’accumulo di sabbie desertiche. Mariette, dalla cappella di Ptahsepses, aveva raccolto la monumentale falsa porta e l’iscrizione originariamente posta sopra l’ingresso della cappella stessa.
Questi due straordinari reperti sono esposti al British Museum. La falsa porta contiene un’ampia biografia della carriera di Ptahsepses. Parla della sua educazione alla corte dell’ultimo sovrano di Giza, Menkaure, e del suo matrimonio con la figlia di Userkaf, la principessa Chamaat.

La cappella di culto della tomba @ P. Košárek

Userkaf, il suocero del defunto, fu il fondatore della quinta dinastia. Questa menzione suggerisce che Ptahsepses è il primo ufficiale conosciuto di origine non reale nella storia egiziana ad avere il privilegio di sposare una principessa reale. Nell’altro reperto si trova invece riferimento ad uno dei documenti più antichi del culto del dio Osiride. E questo rende Ptahsepses un personaggio ancora più speciale, perché a lui si può attribuire l’idea di introdurre il famoso dio egizio dell’aldilà nel pantheon egizio.

La tomba stessa può essere datata ai tempi del governo di Niuserrea, morto, a sua volta atto al 2430 avanti Cristo. Considerata l’importanza politica, storica e religiosa di Ptahshepses, la tomba sta diventando una delle scoperte più notevoli dell’archeologia egiziana degli ultimi tempi. Rappresenta anche un anello mancante molto importante tra i mastabi relativamente piccoli con una singola cappella di culto e le grandi tombe di famiglia, come la vicina tomba di Tij costruita all’incirca nello stesso periodo.

Durante gli scavi è stata completamente scoperta e documentata una grande parte della mastaba di Ptahshepses, lunga 42 metri e larga 22 metri. Essa comprende una cappella piuttosto ben conservata con decorazione dipinta all’ingresso, due serdab (stanze per le statue del proprietario) e un lungo corridoio di accesso alla camera sepolcrale.
Durante la stagione archeologica 2023, è stata trovata ed esplorata la camera funebre. Gli archeologi l’hanno trovata in fondo a un corridoio in discesa e dissestato che porta all’ingresso. Qui un’enorme pietra calcarea bloccava l’accesso.

Gli archeologi si sono trovati al cospetto del sarcofago imponente e si sono accorti che la camera funebre stessa era già stata violata da ladri di tombe, nell’antichità, ma conteneva ancora parti dell’originale corredo funebre, tra cui ceramiche, resti di donazioni votive, vasi a baldacchino e pesci mummificati (il primo ritrovamento di questo genere).

La camera sepolcrale con il sarcofago @ P. Košárek

Nel sarcofago parzialmente aperto, c’era la mummia completa, ancora stesa sulla schiena, che è stata esaminata da alcuni antropologi egiziani, i quali hanno stabilito che il defunto era un uomo maturo, di oltre 65 anni, e ciò conferma quanto è narrato nella biografia del genero del faraone conservata al British museum, in cui si parla di un lungo percorso esistenziale condotto da Ptahshepses.

Gli antropologi egiziani hanno affermato che la mummia fornisce nuovi importanti dati sullo sviluppo della mummificazione durante il Vecchio Impero.
“È stata una ricerca ardua durata diversi anni. Immagini satellitari dettagliate dell’area e uno studio di vecchie mappe hanno portato alla riscoperta della tomba di Ptahsepses a partire dal 2022. Così è stata riscoperta la tomba di un uomo, che ha cambiato il corso della storia egiziana. Questa rappresenta una delle più grandi scoperte della spedizione negli ultimi tempi. La ricerca è ancora in corso ed è probabile che ci saranno altre scoperte che getteranno nuova luce sulla sua famiglia e sul suo tempo”, afferma Miroslav Bárta, responsabile della ricerca di Abúsír.
La ricerca è stata sostenuta da una sovvenzione dell’American Research Center in Egitto.


Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kitCome guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo.Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis 3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco comeQui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web.PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino. La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio.> Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sottoIscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!